fbpx

PRIMA PRENOTI MENO SPENDI, CONTATTA GLI ESPERTI DEI SAFARI ADESSO  031 49 73 833


  • Leggi L'articolo

  • Guarda le nostre partenze In Namibia

La cultura e le popolazioni della Namibia

Vuoi andare in Namibia per vedere gli animali nel loro habitat naturale; è comprensibile, ed è sicuramente un validissimo motivo.

E sicuramente ci sono innumerevoli punti di interesse come scritto in quest'articolo, ma non devi assolutamente trascurare l'aspetto etnico.

La Namibia è una destinazione unica, influenzata da varie culture sin dalla sua colonizzazione

Ciò che emerge è un vero senso di unità nella diversità, l'unione di almeno 11 grandi gruppi etnici, ognuno dei quali celebra il proprio passato mentre lavora insieme verso il futuro.

Lo si nota nell'abbigliamento, nella lingua, nell'arte, nella musica, nello sport, nel cibo e nella religione.

Esiste un collage meraviglioso, ma prima di tutto i namibiani sono orgogliosi di essere namibiani.

I principali Gruppi Etnici della Namibia sono:

  • Himba
  • Herero
  • Damara
  • Colored
  • Nama
  • Ovambo
  • San
  • Tswana
  • Kavango
  • Capriviani
  • Baster
  • Bianchi

Himba

Gli Himba, probabilmente la popolazione più iconica della Namibia a causa del particolare colore della pelle (dovuto allo sfregamento di un unguento a base di burro ed ocra rossa), sembrano essere stati dimenticati dal resto del mondo, ma questo è solo il risultato del loro isolamento estremo e del loro modo di vivere conservatore.

Derivano originariamente dalla nazione Herero, e vivevano di raccolti nelle regioni montuose del Kaokoland.
Lunghi periodi di siccità li costrinsero a vivere della terra, raccogliendo frutti selvatici e scavando in cerca di radici.

Purtroppo subirono l'invasione da parte dei Nama, che nel frattempo si stabilirono nella zona di Sesfontein, perdendo gran parte del bestiame, e furono costretti a rifugiarsi in Angola

Solamente negli anni successivi, quando la guerra tra le forze tedesche e la nazione Herero era finita, tornarono nel Kaokoland dove li possiamo trovare ancora oggi.

Le generazioni più giovani hanno accettato alcuni dei cambiamenti e vengono educate nel sistema nazionale namibiano e, col tempo, abbandoneranno molti dei loro vecchi costumi e tradizioni.


Tuttavia, la maggior parte delle generazioni più anziane si aggrappa ancora alle proprie tradizioni e quando i propri figli tornano da scuola o si recano in città, li incoraggiano fortemente a vestirsi o svestirsi, secondo lo stile tradizionale, ed a vivere come un vero Himba.

Nei nostri tour inseriamo sempre la visita ad un villaggio Himba, ma lo facciamo sempre con sensibilità e rispetto delle loro tradizioni e del loro stile di vita, concordando a priori con il capo villaggio la visita, e portando in cambio doni, quali riso, farina, etc..per ringraziarli dell'ospitalità.

Evitiamo accuratamente la visita a determinati villaggi messi in piedi ad uso e consumo dei turisti, e ci rechiamo solo in quelli autentici.

* perchè si ricoprono con la terra? Sia le acconciature che la preparazione dell'unguento a base di burro ed Ocra sono estremamente laboriose; ma indispensabili per una questione di look, e protezione dagli insetti.

Herero

La nazione Herero si trasferì in Namibia, si pensa, durante il XVI secolo.

Secondo la loro storia orale provenivano da un'area ricca di acqua, erba e molti canneti, probabilmente a ovest del lago Tanganica, ed entrarono in Namibia tra i fiumi Kunene e Okavango.

Durante gli ultimi dieci-quindici anni del 19° secolo, gli Herero si stabilirono nelle aree intorno a Okahandja, Waterberg/Okakarara e verso est, verso Omaruru e Otjimbingwe.

Il conflitto tra Herero e Nama causò gravi problemi ad entrambi i gruppi ed entrambe le parti subirono vittime e furti di bestiame.

Nel 1904, l'intera popolazione Herero fu quasi decimata in una delle peggiori guerre coloniali della Namibia. Ma con grande resilienza, gli Herero hanno perseverato e oggi sono tra i migliori allevatori di bestiame e uomini d'affari della Namibia.

Gli Herero sono un popolo molto orgoglioso e l'osservanza delle loro tradizioni culturali è molto importante per loro.

Tradizionalmente praticavano il culto ancestrale, ma il lavoro dei missionari nel corso degli anni ha ridotto considerevolmente queste attività nella maggior parte delle aree.

Tuttavia, il fuoco ancestrale attraverso il quale comunicano con i loro antenati è ancora acceso in un certo numero di villaggi remoti.

Damara

I Damara che vivono in Namibia e nell'Africa meridionale più ampia hanno disorientato gli antropologi poiché si sospetta che siano un gruppo di origine bantu che parla un dialetto khoisan.

In effetti essendo dell'esistenza Khoisan ma a causa della loro somiglianza con alcuni gruppi bantu dell'Africa occidentale si ipotizza che i Damara siano stati i primi a migrare in Namibia dal nord.

Vivevano in tutta l'Africa meridionale con il popolo San, il cui nome deriva dalla lingua Damara.

Ci sono prove (2000 avanti Cristo) che i Damara abbiano allevato per secoli piccoli branchi di bestiame, coltivano anche tabacco e zucche e in tempi più recenti hanno iniziato a coltivare ortaggi e mais.

Prima del 1800 i Damara occupavano la maggior parte della Namibia, ma un gran numero fu sfollato o ucciso quando i Nama e gli Herero iniziarono ad occupare quest'area in cerca di un pascolo migliore.

Quando i primi europei visitarono la Namibia, i Damara erano un gruppo di giardinieri, pastori e cacciatori-raccoglitori semi-nomadi. Avevano anche abilità nell'estrazione mineraria e nella lavorazione dei metalli. Tuttavia nel 1960 il governo sudafricano stabilì la Damara nel Damaraland, un'area di terreno povero e piogge irregolari.

Per questo motivo molti Damara ora lavorano nelle aree urbane e solo un quarto circa di loro occupa ancora Damaraland.

I Damara si chiamavano #Nukhoe che significa "persona nera".

Colored

L'origine delle persone colored in Sud Africa risale ai giorni dei primi insediamenti al Capo di Buona Speranza, quando molti uomini europei si sposarono e fecero fiki fiki con donne Khoisan.

A quei tempi non c'erano praticamente donne di discendenza europea in età da marito nel Capo o nel suo entroterra e, di conseguenza, anche uomini di discendenza europea si incrociavano con la prole femminile degli schiavi dell'est (perchè va bene che siamo missionari, avventurieri, soldati, e proprietari terrieri..ma il colonizzatore aveva i suoi pruriti ed internet non esisteva ancora).

I bambini nati da schiavi divennero automaticamente proprietà del proprietario degli schiavi e fu così che molti di quelli nati a seguito di questo incrocio di razze furono esposti alla religione cristiana e alla cultura dei loro "proprietari".

La maggior parte delle persone di colore utilizza l'afrikaans come la loro lingua madre.

La discriminazione ha negato a molte di queste persone il diritto di partecipare liberamente alle attività sociali ed economiche e, di conseguenza, molte si sono allontanate dal Capo e hanno deciso di stabilirsi in Namibia.

Essendo ostracizzati com'erano, il popolo di colore ha sviluppato la propria cultura.

Gran parte del successo nel primo sviluppo delle industrie della frutticoltura, del vino e del tessile, dell'edilizia e della pesca può essere attribuito al prezioso contributo del popolo di colore.

E oggi? Oggi danno vita ad una razza che rappresenta tutte le etnie del mondo

Nama

Le donne Nama sono artigiane altamente qualificate, ed il loro lavoro di ricamo è considerato una forma d'arte;  consiste in scene dai colori vivaci ispirate all'ambiente e allo stile di vita del popolo Nama.

Gli unici veri discendenti dei Khokhoi in Namibia, i Nama erano un tempo nomadi pastorali che allevavano bestiame.

Oggi ci sono 13 tribù Nama, per la maggior parte ancora praticanti la proprietà terriera comunitaria, con una ricca tradizione di poesia, musica e danza condivisa in tutto il Kalahari.

Numerosi proverbi, enigmi e poesie sono stati tramandati oralmente di generazione in generazione, da canti d'amore estemporanei e lodi di figure eroiche, a canti di animali e piante nell'ambiente.

Troverai il Nama diffuso attraverso la Namibia a Sesfontein nel Kaokoland, nell'estremo sud in luoghi come Warmbad, o intorno a Mariental, Tses, Gibeon, Maltahöhe.

E' facile da comprendere?...no...

Ovambo

Se sei un appassionato di Wilbur Smith hai già avuto occasione di incrociare questa etnia. Ne parla diffusamente nei suoi racconti.

Vivono principalmente nel nord, sono otto tribù conosciute collettivamente come Owambo.

Gli Owambo rappresentano quasi la metà della popolazione totale della Namibia e sono attivi in tutti i settori dell'economia, dall'agricoltura e dalla pesca al commercio.

Piantano il mahango, un tipo di miglio, che è la loro dieta base e che preferiscono di gran lunga al mais.

Mahangu è usato per la produzione della birra, che è comunemente apprezzata. Altre colture includono mais e sorgo, fagioli, meloni e cipolle.

Quando le acque alluvionali provenienti dall'Angola riempiono le zone basse, la pesca diventa un'importante attività economica e quando le acque si abbassano, il bestiame pascola sull'erba fresca.

Ciò porta quindi alla fornitura di letame per i giardini coltivati sulle alture tra le zone umide.

L'esposizione all'ambiente imprenditoriale creato dagli europei ha innescato uno sviluppo sorprendente dell'attività imprenditoriale tra di loro e il commercio di merci è praticato febbrilmente.

Ci sono pochissime famiglie oggi che non sono coinvolte in qualche forma di attività di vendita al dettaglio. Molte grandi imprese all'ingrosso e al dettaglio si sono sviluppate nel corso degli anni e alcuni uomini d'affari si sono estesi in altre aree della Namibia, mentre alcuni si sono avventurati in Angola.

L'evoluzione sociale e culturale che ha avuto luogo negli ultimi 30 anni circa ha cambiato molto del modo di vivere tradizionale. Molte delle tipiche masserie hanno lasciato il posto a borghi e villaggi più moderni, sostituendo le vecchie capanne con strutture in laterizio e lamiera ondulata e le attività agricole e di pastorizia si spostano verso le zone rurali.

Tuttavia, molti villaggi tradizionali esistono ancora e dimostrano l'ordine della loro struttura sociale. I gruppi familiari vivono in fattorie delimitate da staccionate di pali di legno e progettate per facilitare l'osservanza di rigide usanze sociali e pratiche domestiche efficienti.

San

Mio nonno adottivo è un San.

I San, costituiscono un piccolo gruppo etnico che conta circa 40.000 persone, e sono più formalmente conosciuti come Boscimani.

Il gruppo più numeroso è quello dei !Kung, che si trovano a Kavango nel nord-est e lungo il lato orientale della Namibia fino al distretto di Gobabis.

I Boscimani si affidano più alla raccolta di radici, semi, noci e altre piante commestibili che alla caccia.

Spesso restano senza carne per lunghi periodi, ma non possono sopravvivere a lungo senza cercare cibo nel veld, poiché rappresenta anche una fonte d'acqua per loro.

I Boscimani sono l'unico gruppo etnico in Namibia senza un'area tradizionale che chiamano casa. Per migliaia di anni hanno seguito le rotte migratorie degli animali che cacciavano, anche se queste attività si sono ridotte con gli sviluppi agricoli che hanno avuto luogo.

La proclamazione delle riserve di caccia ha anche precluso loro vaste aree e lentamente, sempre più, sono stati obbligati a cercare lavoro in fattorie dove le loro straordinarie abilità sul campo, in particolare le capacità di tracciamento, sono state sfruttate.

Purtroppo, il numero di San sta diminuendo e, a meno che non si trovi un modo per creare una patria per loro, gli abitanti più antichi della Namibia si estingueranno gradualmente.

Tswana


Il gruppo culturale più piccolo della Namibia è lo Tswana, con legami ancestrali con il popolo Tswana in Botswana.

Lo Tswana namibiano è composto da tre sottogruppi, il più grande dei quali è il Tlharo, il secondo è il Tlhaping e il terzo il Kgalagadi che si sono in qualche misura mescolati con i Boscimani del Kalahari.

Di conseguenza, la maggior parte degli Tswana namibiani vive e lavora come allevatore di bestiame nel distretto di Gobabis vicino al confine con il Botswana conosciuto localmente come Hereroland.

Kavango

Ti ricorda qualcosa? Delta del..........?

Questa grande popolazione di persone fluviali è stata spesso descritta come una delle più amichevoli dell'Africa.

Il popolo Kavango comprende cinque distinti gruppi tribali, di cui quasi tutti vivono lungo il fiume Kavango da Katwitwe a ovest fino a Bagani a est.

Il popolo Kavango pratica l'agricoltura sulla stretta striscia di terreno fertile lungo il fiume Kavango, da cui raccolgono un gran numero di pesci.

Gli uomini fanno il duro lavoro di ripulire e preparare le terre ogni anno. Le donne si occupano della semina e del diserbo e gli uomini riprendono la mietitura e la trebbiatura.

Gli uomini Kavango sono anche desiderosi di intagliare il legno e le loro opere sono vendute in tutta la Namibia.

Scolpiscono il legno di dolfo, che cresce nel sandveld del Kalahari e producono una varietà di tamburi cerimoniali, strumenti musicali e articoli per la casa. Ornamenti, porta piante in vaso, decorazioni murali, maschere, utensili da cucina, tavoli e sedie e piroghe sono articoli standard.

Le donne tessono cesti e realizzano vasi di terracotta e ornamenti, che vendono con entusiasmo ai visitatori.

Nella regione sono in corso numerosi nuovi progetti agricoli con l'obiettivo di aumentare le opportunità di lavoro. Questi includono la coltivazione della canna da zucchero, foreste artificiali e uva.

Capriviani

Da non confondersi con i Capoverdiani...

Diversi e lontani..

La stragrande maggioranza delle persone che vivono a Caprivi è distribuita lungo le sponde del fiume, lungo le strade principali del Caprivi e dentro e intorno al centro principale Katima Mulilo e ai villaggi di Sibinda, Sangwali, Linyanti, Chinchimane, Bukalo, Ngoma e Isize.

Ci sono due gruppi tribali principali, i Fwe a ovest e i Subia a est.

Oltre alla caccia e alla pesca, i Capriviani coltivano la terra, piantando mais, miglio, fagioli, patate dolci, arachidi, zucche, meloni e anche canna da zucchero. S

ono anche raccoglitori e pastori, con un uso ben strutturato dei pascoli comunali.

Il loro isolamento e la loro lontananza sono stati responsabili della loro continua dipendenza da questa tradizionale economia di sussistenza.

Come risultato della loro interazione sociale storica con Zambia, Zimbabwe e Botswana, la maggior parte dei capriviani ha imparato a parlare inglese.

Inoltre, molti degli uomini hanno lavorato per qualche tempo nelle miniere di Johannesburg, e quindi hanno imparato a parlare Fanagalo.

Questa è l'unica regione della Namibia in cui si parla l'afrikaans minimo.

Baster

Anche in questo caso gli olandesi cominciarono a guardarsi attorno..

I tulipani non c'erano, le ragazze locali si..

Ed una cosa tira l'altra..

Si ritiene che già nel 1652, anno dello sbarco di Jan van Riebeeck a Cape in Sud Africa, questa corsa sia nata.

I progenitori furono i primi uomini olandesi e altri europei del Capo che si sposarono e si incrociarono con donne indigene Khoisan.

Si verificarono anche alcuni matrimoni misti con i primi Malesi del Capo, portati al Capo dagli olandesi delle Indie orientali.

I Rehoboth Basters sono un ramo di questa nuova razza. Il termine Baster è il termine preferito e usato con orgoglio dalla Comunità Baster. Hanno adottato la lingua e la cultura dei loro antenati, che includeva l'osservanza delle credenze cristiane.

I primi missionari riconobbero le loro forti inclinazioni cristiane e furono comprensivi nei loro confronti, spesso aiutando nei loro sforzi per trovare pace e sicurezza.

Oggi i Basters sono un popolo patriottico e molto protettivo nei confronti del proprio patrimonio culturale. Lavorano come artigiani, commercianti e contadini.

Bianchi

Eccomi qui...

200 anni dopo...

Si ritiene che il primo discendente europeo a stabilirsi in Namibia sia stato Guilliam Visagie, che, con la moglie, si era stabilito in un luogo chiamato Modderfontein, oggi noto come Keetmanshoop.

Un certo numero di esploratori, cacciatori di avorio e selvaggina grossa, salì dal Capo in Sud Africa e i primi missionari, Abraham e Christian Albrecht, arrivarono a Warmbad nel 1806.

Man mano che sempre più informazioni sul paese raggiungevano il mondo esterno, i numeri di avventurieri, cercatori, commercianti ed esploratori aumentarono.

Quando è scoppiato il conflitto tra Herero e Nama, soldati e personale amministrativo sono stati portati nel paese.

Boeri dal Sud Africa, alcuni che si stavano allontanando dalla guerra anglo-boera nel 1899-1902, entrarono nel paese.

Alla fine delle guerre Herero molti soldati tedeschi decisero di rimanere nell'Africa sudoccidentale. Furono scoperti diamanti e arrivarono altri europei.

Dopo la prima guerra mondiale, nuovi coloni acquistarono fattorie e varie altre proprietà e il numero dei residenti europei crebbe costantemente.

La concessione al Sud Africa di un mandato sull'Africa sudoccidentale ha portato personale amministrativo, poliziotti, ferrovieri e imprenditori che hanno avviato attività.

L'estrazione mineraria, la pesca, l'agricoltura e le attività industriali medio-leggere si moltiplicarono, portando ingegneri, scienziati, insegnanti, architetti, agronomi, geometri, medici, infermieri e molti altri, la maggior parte dei quali di origine europea.

Le nostre partenze dedicate agli Over 55

Clicca sulla data di partenza per scaricare il programma

con tutti i dettagli


testimonials

Cosa Dicono Di Noi

Luciana B. 

 Viaggi Over 55

Viaggio in Namibia over 55:: numero perfetto, 7 persone. Ottima guida/autista di origine italiana ma vissuto da molti anni in Namibia. Al di là delle mie aspettative. Paese incredibile X varietà paesaggistica, per i parchi naturali e la grande quantita di animali selvaggi che ci vivono in libertà. Ottima organizzazione,. Ottimo cibo. Ottimi lodges. Non ci è' davvero mancato nulla. Alla prossima.! 

Maria T.

Destinazione Africa


Namibia ottobre 2018.... un viaggio emozionante che mi ha riempito gli occhi e il cuore di immagini ed esperienze che non dimenticherò. Organizzazione ottima sia nella preparazione del viaggio che durante. Anche a distanza Alex e Gloria sono stati sempre presenti e solleciti. Sicuramente consiglierò Destinazioneafrica ad amici che volessero fare questa esperienza unica.

Success message!
Warning message!
Error message!